Tu sei qui

Contributo per spese di assistenza domiciliare

Stampa

E’ un contributo di partecipazione alle spese sostenute per l'assistenza domiciliare prestata da personale infermieristico o da collaboratori domestici a persone che versano in uno stato di non autosufficienza, in quanto impossibilitate a svolgere autonomamente almeno tre dei seguenti quattro atti della vita quotidiana: lavarsi, nutrirsi, deambulare e vestirsi.

Chi può richiederlo:

  • iscritti o pensionati della Cassa per l’assistenza a se stessi o per i familiari legati da vincolo di coniugio o di parentela in linea retta di primo grado;
  • iscritti o pensionati di invalidità della Cassa per l’assistenza ai fratelli e alle sorelle;

a condizione che il destinatario dell’assistenza risulti nello stato di famiglia e a carico dell’iscritto o del pensionato della Cassa e che, il reddito imponibile complessivo del nucleo familiare non superi il limite di reddito fissato dal Consiglio di Amministrazione per individuare lo stato di bisogno.

Quanto spetta:

Per l’anno 2020 il contributo mensile massimo erogabile per 12 mesi è pari a € 600,00.

Quando e come richiederlo:

Il contributo deve essere richiesto entro l’anno successivo a quello di sostenimento delle spese utilizzando il modulo di domanda di erogazione del contributo per spese di assistenza domiciliare allegando la documentazione richiesta.

Contatti ed orari

Ricevimento in sede

Temporaneamente sospeso

Numero Verde: 800545130

Temporaneamente sospeso

CNPADC - Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Via Mantova 1 - 00198 Roma

C.F. 80021670585

Posta Elettronica Certificata dedicata agli Associati: servizio.supporto@pec.cnpadc.it

Prenotazione online della consulenza telefonica: servizio PAT disponibile all'interno dell'area riservata