Tu sei qui

Emergenza Covid-19: Contributo a Supporto del Finanziamento anno 2021

Stampa
02/03/2021

Nell’ambito degli interventi assistenziali per sostenere gli iscritti chiamati ad affrontare gli effetti economico-finanziari legati all’emergenza epidemiologica COVID-19, il Consiglio di Amministrazione ha stanziato per l’anno 2021 Euro 1.500.000,00 per gli iscritti che sottoscrivono contratti di finanziamento nel periodo dal 01/01/2021 al 31/12/2021, secondo le condizioni di seguito riportate.

Art. 1 - Beneficiari

Iscritti alla Cassa con un reddito relativo al periodo di imposta 2020 non superiore a € 50.000. Tale importo è determinato sommando i redditi derivanti dall’esercizio della professione con quelli di lavoro dipendente e con i redditi di pensione.
Sono comunque esclusi i professionisti che, per il periodo di imposta 2020, hanno percepito redditi di lavoro dipendente e/o di pensione, di ammontare lordo complessivo superiore ad € 20.000.

Art. 2 - Ammontare del Contributo a Supporto del Finanziamento

Il contributo è così determinato:

  1. € 500 per un ammontare minimo del finanziamento di € 10.000 (in caso di Studio Associato o STP v. successivo Art. 4 “Contratti di finanziamento sottoscritti da Studi Associati o STP”);
  2. Per prestiti superiori ad € 10.000, è riconosciuto oltre al contributo di cui sopra, un ulteriore somma pari all’1% della quota di finanziamento eccedente € 10.000 e fino ad un valore massimo del prestito di € 30.000;
  3. Sono comunque ammessi al contributo, finanziamenti di importo superiore, nei limiti dei valori sopra determinati.

Art. 3 - Finanziamenti esclusi

Non rientrano nell’ambito del finanziamento:

  1. finanziamenti stipulati per l’acquisto di beni immobili o per l’acquisto specifico di beni non strettamente attinenti allo svolgimento della professione, nonché i contratti di leasing;
  2. finanziamenti di importo inferiore a € 10.000;
  3. finanziamenti di durata inferiore ai 12 mesi;
  4. finanziamenti stipulati antecedentemente al 01/01/2021.

Art. 4 - Contratti di finanziamento sottoscritti da Studi Associati o STP

Qualora il finanziamento sia sottoscritto dallo Studio Associato, ovvero dalla STP, ai fini dell’ammissione al contributo rileva l’importo del finanziamento complessivo e il contributo sarà riconosciuto al singolo iscritto in proporzione alla sua quota di partecipazione all’utile dello Studio Associato o della STP. L’istanza di attribuzione del contributo non può essere presentata dallo Studio Associato o dalla STP ma solo da ciascun socio iscritto alla Cassa.

Art. 5 - Modalità di presentazione della domanda

La domanda, a pena di inammissibilità, deve essere presentata utilizzando esclusivamente il servizio online CSF, disponibile nell’area riservata del sito www.cnpadc.it, entro il 31/01/2022. Non sono ammesse domande presentate con modalità diverse.

Alla domanda deve essere allegata, a pena di inammissibilità:

  • copia del contratto di finanziamento intestato al richiedente (oppure allo Studio Associato/STP di cui è socio) firmato da entrambi i contraenti oppure il documento di sintesi del contratto di finanziamento sottoscritto da entrambi i contraenti rilasciato dalla banca riportante i requisiti previsti per l’erogazione del contributo;
  • disposizione di accredito del finanziamento oppure disposizione di pagamento della prima rata del relativo piano di ammortamento.

Il servizio online CSF prevede che l’iscritto dichiari ai sensi del DPR 445/00:

  1. l’ammontare del reddito relativo al periodo di imposta 2020 derivante dall’esercizio della professione nonché dell’eventuale reddito di lavoro dipendente e/o di pensione;
  2. l’eventuale ammontare della quota di partecipazione allo Studio Associato/STP.

Non saranno considerate valide le autodichiarazioni rilasciate con altre modalità, ancorché allegate direttamente alla domanda.

La Cassa procederà, successivamente, a riscontrare le informazioni auto-dichiarate con i dati risultanti dall’Agenzia delle Entrate.

Art. 6 - Erogazione del contributo

I contributi saranno riconosciuti seguendo l’ordine cronologico di presentazione delle domande accolte, complete della documentazione richiesta, sino ad esaurimento delle risorse stanziate.

Art. 7 - Revoca del contributo
Il contributo è revocato nel caso in cui si proceda all’estinzione del prestito in data antecedente alla sua scadenza naturale. In tale circostanza la Cassa procederà al recupero delle somme accreditate.

Contatti ed orari

Numero Verde: 800545130

Attivo dal lunedì al giovedì dalle 8.45 alle 12.45 e dalle 14.00 alle 16.00 - il venerdì dalle 8.45 alle 13.45

Videochiamata (il ricevimento in sede è momentaneamente sospeso)

Attivo ogni martedì e giovedì dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 15:30 esclusivamente su appuntamento.Per prenotare clicca qui

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Via Mantova 1 - 00198 Roma

C.F. 80021670585

Posta Elettronica Certificata dedicata agli Associati: servizio.supporto@pec.cnpadc.it

Per essere ricontattato dalla Cassa è disponibile il servizio PAT all'interno dell'area riservata.

Per informazioni sulla Polizza Sanitaria Reale Mutua Assicurazioni

Numero Verde: 800555266

Per informazioni sulla Polizza EMAPI - Temporanea Caso Morte

Numero: 0644250196