Chiudi
CDC AppCDC App con nuovi servizi. Installa la versione aggiornata Android  Ios

Tu sei qui

Interruzione di gravidanza

Stampa

E’ un importo riconosciuto in caso di interruzione della gravidanza.

Chi può richiederlo:

Dottoresse commercialiste, in possesso della partita Iva e dell’ iscrizione all’Albo professionale nel periodo indennizzabile (data dell’evento) iscritte alla Cassa o che hanno presentato la domanda di iscrizione.
In caso di interruzione di gravidanza intervenuta dal 61° giorno di gestazione, il contributo non è riconosciuto qualora sussista il medesimo diritto in capo a un altro Ente di Previdenza.

Quanto spetta:

L’importo varia a seconda del momento in cui avviene l’interruzione della gravidanza:

  1. dall’inizio della gravidanza fino al 60° giorno è pari a € 1.038,13 (1/5 dell’importo minimo dell’indennità di maternità);
  2. dal 61° giorno della gravidanza e fino al termine del 6° mese è pari a 1/12 dell’80% del reddito professionale dichiarato nell’anno precedente l’interruzione. In ogni caso, l’importo dell’indennità non può essere inferiore a € 1.038,13 o superiore a € 5.190,64;
  3. dall’inizio del 7° mese di gravidanza è pari a 5/12 dell’80% del reddito netto professionale dichiarato nell’anno precedente l’interruzione. In ogni caso, l’importo non può essere inferiore a € 5.190,64 o superiore a € 25.953,20.

Quando e come richiederla:

Nel caso a) la richiesta deve essere effettuata entro il termine perentorio di un anno dalla data di interruzione della gravidanza utilizzando esclusivamente il servizio online DIM – Domanda di indennità di maternità, allegando la seguente documentazione:
fotocopia di un documento di identità o di riconoscimento in corso di validità;
certificato medico attestante la data dell’interruzione della gravidanza con l’indicazione della data di ultima mestruazione. 
 
Per i casi b) e c) la richiesta deve essere effettuata entro il termine perentorio di 180 giorni dalla data di interruzione della gravidanza utilizzando esclusivamente il servizio online DIM – Domanda di indennità di maternità, allegando la seguente documentazione:
fotocopia di un documento di identità o di riconoscimento in corso di validità.
Se la domanda viene presentata per la tipologia b):
copia del certificato medico rilasciato dalla struttura sanitaria pubblica che ha fornito le prestazioni sanitarie, comprovante che l’interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, è avvenuta non prima del terzo mese di gravidanza. 
Se la domanda viene presentata per la tipologia c):
copia del certificato medico rilasciato dalla struttura sanitaria pubblica che ha fornito le prestazioni sanitarie, comprovante che l’interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, è avvenuta dopo il compimento del sesto mese di gravidanza.

Contatti ed orari

Numero Verde: 800545130

Attivo dal lunedì al giovedì dalle 8.45 alle 12.45 e dalle 14.00 alle 16.00 - il venerdì dalle 8.45 alle 13.45

Videochiamata/Ricevimento in sede

Attivo ogni martedì e giovedì dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 15:30 esclusivamente su appuntamento. Per prenotare clicca qui.

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Via Mantova 1 - 00198 Roma

C.F. 80021670585

Posta Elettronica Certificata dedicata agli Associati: servizio.supporto@pec.cnpadc.it

Per essere ricontattato dalla Cassa è disponibile il servizio PAT all'interno dell'area riservata.

Per informazioni sulla Polizza Sanitaria Reale Mutua Assicurazioni

Numero Verde: 800555266

Per informazioni sulla Polizza EMAPI - Temporanea Caso Morte

Numero: 0644250196